Museo del Ciclismo della Madonna del Ghisallo

Raccontare la vita degli eroi del pedale che hanno fatto la storia del ciclismo internazionale. Tutto questo è nel Museo del Ciclismo inaugurato nell’autunno del 2006 accanto al Santuario della Madonna del Ghisallo, sul Lago di Como.

Affacciato sulle acque del Lago di Como e sui rilievi lecchesi, il Passo del Ghisallo (754 m) è stato testimone di entusiasmanti sfide: il Giro di Lombardia, il Giro d’Italia, la Coppa Agostoni. Non è un caso, dunque, se la Madonna del Ghisallo è da sempre venerata dai ciclisti ed è diventata loro patrona nel 1949. Anno in cui le pareti della chiesetta hanno iniziato a riempirsi di cimeli lasciati dai corridori in segno di devozione. Nomi illustri quali Girardengo, Gimondi, Moser, Mercks, Coppi e Bartali sono annoverati tra i donatori più conosciuti di quello che è oggi uno dei pianeti più interessanti dell’universo sportivo lombardo.

L’itinerario di visita si snoda lungo cinque aree tematiche, ognuna delle quali presenta uno spunto di approfondimento. Nella Sala dei Cimeli sono raggruppati oggetti di particolare valore affettivo che i campioni del ciclismo hanno donato al santuario o al museo stesso. Nella sezione intitolata “L’uomo e il suo mezzo” viene spiegato il procedimento di assemblaggio del mezzo a pedali, permettendo anche di “ideare” una bicicletta ad hoc.

Un’ala è dedicata alla storia: attraverso immagini, gigantografie, schermi tattili e pannelli testuali, la Grande Enciclopedia del Ciclismo racconta in ordine cronologico i profili sportivi dei più grandi corridori. Leggermente diverso è invece il 24+24: uno spazio nel quale sono presentati i 48 migliori atleti del mondo attraverso i loro palmares, l’elenco dei trofei e dei riconoscimenti collezionati nell’arco di una vita dedita allo sport. Infine, per rivedere documentari, cortometraggi e film inerenti al tema, è necessario raggiungere il salone “Ciak e campioni, 100 film sul ciclismo“.

Oltre all’esposizione permanente, il museo del ciclismo comprende due laboratori per le attività didattiche, una sala conferenze e un punto vendita. Lo spazio espositivo e culturale, inoltre, si arricchirà di una biblioteca specializzata, con periodici e volumi dedicati al ciclismo.

Info: Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo
Via Gino Bartali 4Magreglio (CO)Tel. 031.96.58.85 www.museodelghisallo.it

Come Arrivare: Da Milano si può raggiungere il Passo del Ghisallo seguendo la SS36 in direzione Lecco fino all’uscita Suello-Cesana Brianza. Si continua quindi in direzione di Erba-Como. Al semaforo di Pusiano, si svolta a destra continuando verso Longone-Canzo-Bellagio.
Con il treno, si può partire dalla stazione di Milano Cadorna (Le Nord) in direzione Canzo/Asso.
Quindi si usufruisce dell’autobus di lineta in direzione Magreglio-Bellagio.

Comments are closed.