Sulle tracce de “I Promessi Sposi”

Un itinerario che potremmo definire  “manzoniano”  e che accoglie il turista in una città come Lecco ricca di memorie letterarie grazie ai ricordi che rimandano al capolavoro del Manzoni. Ci troviamo, infatti, in quei luoghi che il poeta ha fissato come teatro di episodi dei Promessi Sposi. La visita inizia nella parte meridionale di Lecco, dal quartiere di Pescarenico, ove poco resta del convento di fra’ Cristoforo ma dove ancora si può visitare la chiesa dei Santi Materno e Lucia con le sue rarissime composizioni plastiche in cera e cartapesta del Seicento e la ” Trinità” del Cerano e nella parte a nord nei rioni di Olate, ritenuto il paesello natale di Lucia dove i due promessi si sarebbero sposati e di Acquate. I due rioni si contendono la presunta o tradizionale Casa di Lucia. Sopra, sul promontorio dello Zucco, sarebbe stato individuato il palazzotto di Don Rodrigo, ora edificio razionalista, mentre una strada campestre che porta a Germanedo vuole indicare il luogo del famoso “appostamento”.

E ancora nel rione di Chiuso, dove avrebbe dimorato il sarto che accoglie Lucia liberata e sarebbe avvenuta la celebre conversione dell’Innominato, il cui castello sarebbe più lontano, verso sud a Somasca, frazione di Vercurago. D’obbligo la visita alla dimora che appartenne alla famiglia Manzoni e che lo stesso vendette a malincuore, come si desume dal carteggio dello scrittore; l’edificio ospita attualmente il Museo Manzoniano che espone manoscritti, prime edizioni, cimeli relativi alla vita ed alle opere dello scrittore.
Sosta Camper:  –  Parcheggio in Via Don Giovanni Ticozzi,  Lecco
Tel.: +39341481111  GPS: N 45.83101,  E 9.40786  N 45°49’52”,  E 9°24’28”

Comments are closed.